Un Corso gratuito per capire come utilizzare il marketing per i tuoi eventi? Eccolo!

Cailotto_ImmagineLe case le costruiscono gli architetti, le auto le riparano i meccanici, i tuoi denti li curano i dentisti … Perché mai allora gli eventi possono essere gestiti da chiunque si voglia improvvisare organizzatore culturale? Basta un po’ di senso pratico per organizzare un evento? Per organizzare la festa di compleanno dei nostri figli o per una tombola in parrocchia probabilmente si, ma per il successo di cose un po’ più complesse – uno spettacolo teatrale che si proponga al mercato, una stagione concertistica, un festival in castello – sarebbe di sicuro più salutare conoscere le basi del marketing culturale.

Oggi ti propongo quindi un’introduzione ai concetti basilari del marketing, analizzando poi le modalità con cui questi possono essere applicati alla gestione di eventi culturali e di spettacolo.

Ho preparato per te un Corso veloce, sintetico, ma nello stesso tempo pregnante, che in una quarantina di slide possa darti consapevolezza di come il marketing sia in grado di assicurare maggiore efficacia e coerenza alle tue capacità organizzative.

Scarica Gratis ora!Si inizia con tre errate concezioni e due definizioni vere del marketing, per arrivare a comprendere quale fu la vera rivoluzione portata da questa metodologia di rapportarsi al mercato: dall’orientamento al prodotto (“la più bella penna in commercio”) all’orientamento al cliente, ossia ai bisogni espressi da varie tipologie di consumatore (la penna del notaio non avrà le stesse caratteristiche di quella dello studente …)

Il mercato dunque come punto di partenza di ogni ragionamento. Il mercato, ossia la domanda e l’offerta. Si parte da qui.

• La domanda: a chi si rivolge il tuo evento? Conosci il tuo pubblico?

Devi metterti nei panni dei frequentatori del tuo evento, trovare le motivazioni che li portano a partecipare alle proposte culturali, o le ragioni che li allontanano.

Questo può essere fatto solo sviluppando una metodologia strutturata alla comprensione e all’ascolto del pubblico, che ti permetta di individuare il tuo segmento prioritario, sul quale costruirai gli indirizzi artistici e gli interventi comunicazionali. Uno studio del pubblico si inizia con un semplice questionario …

• L‘offerta: Conosci i tuoi concorrenti? Solo controllando l’attività dei nostri concorrenti possiamo avere qualche speranza di offrire al pubblico qualcosa di meglio.

Ogni organizzazione culturale che desideri ottenere successo deve riconoscere che occorre fare qualcosa di migliore rispetto alle offerte già presenti sul mercato. Occorre dunque identificare un vantaggio competitivo all’interno del proprio campo d’azione e su questo costruire il successo. In che modo?

Scopri tutto questo e molto di più nel Corso che potrai scaricare gratuitamente QUI.

Fammi sapere cosa ne pensi. Sarò felice di rispondere ai tuoi commenti, domande, dubbi …

 

Filippo M. Cailotto

 

P.S. Il Corso “Approccio al Marketing degli eventi culturali e di spettacolo” farà presto parte di un corso più articolato e non sarà quindi più disponibile gratuitamente. Accedi e scaricalo gratis ora!

 

About Filippo Maria Cailotto

Filippo Maria Cailotto ha un'esperienza di consulente e project manager nei settori degli eventi culturali e nella valorizzazione del territorio più che ventennale. Dopo il Diploma di Conservatorio, ha completato il suo curriculum formativo conseguendo l' “European Diploma in Cultural Project Management”, master annuale promosso dal Consiglio d’Europa e dall'Unesco (Bruxelles), e frequentando il Corso biennale in Economia e Gestione Aziendale (CEGA) presso la Scuola di Direzione Aziendale dell'Università Bocconi (Milano). È stato inserito nell’elenco degli esperti dell’Unione Europea (DG X) per i seguenti ambiti di competenza: ‘Cultura’ e ‘Questioni orizzontali’ (cultura ed economia, cultura e turismo, cultura e sviluppo regionale). Ama la musica classica, il tango e i social media.
This entry was posted in Analisi preliminare, Aspirante event manager, Event manager. Bookmark the permalink.