Come pianificare la tua carriera musicale


Secondo violino del Quartetto Alinde, vincitore del secondo premio al Concorso internazionale di musica da camera "Salieri-Zinetti"La pianificazione di una carriera musicale parte essenzialmente dalla chiarificazione dei propri punti di forza e di debolezza, come abbiamo visto negli articoli precedenti (tra cui questo), un’analisi che ti permetterà di rispondere alla prima domanda: dove sei ora?

La seconda domanda fondamentale è la seguente: dove vuoi andare?

Pensa alla tua vita fra 10 anni. Come la immagini? Dove ti vedi vivere, come vorresti fosse la tua vita professionale?

Scrivi le tue risposte. Sii specifico e concreto circa i tuoi obiettivi futuri perché poi sarà necessario pensare alla strategia che ti permetterà di raggiungerli.

A questo scopo ti sarà di aiuto il lavoro di introspezione fatto per definire il tuo stato attuale, lavoro che ti offre le basi per poterti confrontare in sincerità con il tuo futuro desiderato e poter quindi rispondere a due ulteriori domande, fondamentali per poter iniziare il tuo cammino: quali sono i punti di forza che mi rendono unico e competitivo, su cui posso costruire il percorso di avvicinamento al mio sogno, ossia al mio obiettivo di lungo termine? Quali lacune mi sono di impedimento e devo quindi colmare?

Gli obiettivi. Gli obiettivi sono sogni con una data di scadenza (osservazione attribuita a Walt Disney, ma in ogni caso molto efficace). La definizione di obiettivi futuri chiari e raggiungibili è fondamentale. Senza obiettivi a lungo termine e piani concreti per raggiungerli, siamo in balìa di tutte le distrazioni che ci attraggono intorno a noi. Senza una mèta da raggiungere possiamo incamminarci per qualsiasi viaggio, ma alla fine saremo andati a zonzo e non avremo raggiunto nessun approdo.
Gli obiettivi ti permettono di focalizzarti sulle cose importanti, e l’unico che può decidere quali priorità dare al tuo tempo e alla tua energia per raggiungere i tuoi scopi sei tu.

Inizia con lo scrivere i tuoi obiettivi a lungo e a breve termine. Potrai successivamente rivederli e con l’esperienza potrai essere più efficace. Inoltre tieni presente che le persone cambiano, così gli obiettivi e i piani cambiano con loro.
Se seguirai il Corso Professione Musicista, per esempio, puoi ritrovarti a rivedere i tuoi progetti avendo scoperto qualcosa in più su te stesso e sul settore musicale. Va bene, perché la ricerca e la valutazione delle opzioni è una parte importante nell’esplorazione del proprio percorso di carriera.

Il raggiungimento degli obiettivi: andare dal punto A al punto B. Molti musicisti hanno difficoltà a definire le azioni da intraprendere per raggiungere i propri obiettivi. Può essere difficile vedere un chiaro percorso verso un sogno da raggiungere nel lungo termine. Il percorso diventa più evidente se riesci a suddividere i grandi obiettivi in obiettivi più piccoli e quindi più facilmente acquisibili.
“Pianificazione a ritroso” è l’arma segreta di imprenditori, dirigenti aziendali e musicisti esperti. L’idea è quella di lavorare in senso inverso, partendo dal risultato desiderato e andando all’indietro fino alla situazione attuale, assicurandosi di suddividere il percorso in segmenti alla propria portata, commisurati ad obiettivi di breve termine in linea con l’obiettivo finale, al fine di mantenere la corretta direzione di marcia. Se riuscirai a suddividere una grande lista di adempimenti in compiti settimanali facilmente gestibili, il lavoro sarà più fattibile e lo stress ridotto al minimo. Il trucco nella gestione di qualsiasi progetto è quello di pensare in modo strategico e realistico a ciò che deve essere fatto e quando, definendo le priorità. Ti accorgerai che è una grande soddisfazione poter cancellare alla fine di ogni settimana i compiti eseguiti dalla lista delle cose da fare, sapendo che sei ogni volta un po’ più vicino a raggiungere il tuo obiettivo. Ricorda: sono i piccoli passi quotidiani che ci portano alle mete più lontane.

Nel prossimo post ti porterò un caso concreto di pianificazione a lungo e a breve termine, un esempio che potrai trasferire facilmente nella tua attività di tutti i giorni.

 

Filippo M. Cailotto

 

P.S. Di questo e di molto altro si parlerà durante il corso “Professione Musicista” in programma presso il Conservatorio di Mantova tra gennaio e maggio 2018. Iscrizioni entro il 22 gennaio p.v. Puoi trovare qui tutte le informazioni.

About Filippo Maria Cailotto

Filippo Maria Cailotto ha un'esperienza di consulente e project manager nei settori degli eventi culturali e nella valorizzazione del territorio più che ventennale. Dopo il Diploma di Conservatorio, ha completato il suo curriculum formativo conseguendo l' “European Diploma in Cultural Project Management”, master annuale promosso dal Consiglio d’Europa e dall'Unesco (Bruxelles), e frequentando il Corso biennale in Economia e Gestione Aziendale (CEGA) presso la Scuola di Direzione Aziendale dell'Università Bocconi (Milano). È stato inserito nell’elenco degli esperti dell’Unione Europea (DG X) per i seguenti ambiti di competenza: ‘Cultura’ e ‘Questioni orizzontali’ (cultura ed economia, cultura e turismo, cultura e sviluppo regionale). Ama la musica classica, il tango e i social media.
This entry was posted in Action Plan, Analisi preliminare, CHI SEI?, EVENT MARKETING PLAN, Musicista/artista, Obiettivi. Bookmark the permalink.