5 post augurali per Voi

Buon Anno!Cari Amici,

in un lampo è già finito il 2013 e il mio blog si avvia a celebrare il suo primo anno di vita.

Vorrei in quest’ultimo post dell’anno effettuare un percorso ragionato tra i vari articoli pubblicati, selezionandone 5 per ognuna delle diverse tipologie di utenti che frequentano il mio blog, tipologie che potrei indicare come segue:

I. l’aspirante event manager, utente che desidera accostarsi alla progettazione di eventi e conoscere la professione;
II. l’event manager, utente che è già nel settore e vuole approfondire alcune tematiche fondamentali;
III. l’event fundraiser, utente già navigato che è interessato al reperimento di fondi.

Naturalmente questa suddivisione è solamente indicativa: gli interessi di ognuno possono travalicare queste categorie di massima (cosa anzi auspicabile); tuttavia può essere un’utile indicazione per un approccio iniziale.

I. All’aspirante event manager, inizierei con il proporre l’articolo:
• Come iniziare la progettazione di un evento in quattro passi
Troverà alcune indicazioni pratiche per impostare un evento velocemente, ma anche con il giusto approccio strategico.
Gettate le basi dell’evento con i quattro passi indicati, sarà opportuno cercare di dotarsi degli strumenti forniti dal marketing per una gestione professionale del progetto. Un’idea può essere data da due post:
• Un Corso gratuito per capire come utilizzare il marketing per i tuoi eventi? Eccolo!
• Perché ti serve un piano di marketing per il tuo evento culturale
Agli aspiranti event manager inoltre capita di chiedersi quali sono le attitudini personali, le predisposizioni che un professionista dovrebbe possedere per aver successo in questo campo.
Ecco qualche risposta in:
• Le 5+5 attitudini personali per diventare un super event manager (1^ parte) (2^ parte)
Infine, un’altra domanda chiave potrebbe essere: quali sono le competenze da approfondire per superare con successo le sfide che il professionista si troverà ad affrontare? Ecco qualche suggerimento.
• 10 competenze che devi possedere per diventare organizzatore di eventi (1^ parte) (2^ parte)

II. All’event manager propongo di approfondire innanzitutto la conoscenza delle modalità con cui un potenziale acquirente decide di partecipare ad un evento.
In questo primo articolo, trovi la descrizione del processo come finora avvenuto:
• Come facilitare il processo d’acquisto di un evento – 1 (crucialità del sistema evocato)
In quest’altro post, si dà uno sguardo alla sua evoluzione, come si sta già delineando nel mondo anglosassone, e come a breve sarà anche per noi (e in alcuni casi lo è già).
• Come facilitare il processo d’acquisto di un evento – 2 (il nuovo scenario)
Sempre in tema di processo d’acquisto, una delle problematiche fondamentali che incidono sulla partecipazione del pubblico sono le politiche di prezzo. Ecco alcune riflessioni in merito.
• Come definire per i tuoi eventi politiche di prezzo vincenti
In termini più generali, in ambito di progettazione l’event manager deve dotarsi degli strumenti utili per supportare le sue capacità di analisi e le modalità di valutazione a posteriori di un evento. Ecco due articoli in merito.
• Rendere il tuo evento più competitivo con l’Analisi SWOT
• Come valutare i risultati di un evento

III. All’event fundraiser suggerisco di tornare a riflettere sulle motivazioni che portano un’azienda a sponsorizzare un evento e a farne un’attività strategica delle sue politiche di comunicazione. Questo articolo in 5 parti offre un’ampia panoramica della tematica.
• Perché un’azienda dovrebbe sponsorizzare il tuo evento? 1234 – 5
Con le motivazioni aziendali ben presenti, si possono creare le basi per ottenere l’attenzione del potenziale sponsor a cui ci rivolgiamo:
• Come predisporre le basi per una proposta di sponsorizzazione di successo.
Con riferimento a quest’ultimo articolo, può essere interessante approfondire uno strumento di grande utilità sia all’event fundraiser che all’event manager:
• A cosa mi serve uno studio sul pubblico?
Creare le basi per una sponsorizzazione significa anche trovare una sintonia tra i valori aziendali e quelli proposti dall’evento. La tematica è approfondita con il seguente articolo in 6 parti.
• Come trovare opportunità di sponsorizzazione con l’analisi valoriale (1^ parte)(2^ parte)(3^ parte)(4^ parte)(5^ parte)(6^ parte).
Infine, trovata l’azienda in sintonia con il mio evento, quale sarà il giusto costo da proporre in cambio dei benefici che possono derivare dalla sponsorizzazione del mio progetto?
• Come arrivare alla definizione del valore di sponsorizzazione di un evento.

Buona lettura, dunque, con i miei migliori auguri per un 2014 ricco di soddisfazioni!

 

Filippo M. Cailotto

About Filippo Maria Cailotto

Filippo Maria Cailotto ha un'esperienza di consulente e project manager nei settori degli eventi culturali e nella valorizzazione del territorio più che ventennale. Dopo il Diploma di Conservatorio, ha completato il suo curriculum formativo conseguendo l' “European Diploma in Cultural Project Management”, master annuale promosso dal Consiglio d’Europa e dall'Unesco (Bruxelles), e frequentando il Corso biennale in Economia e Gestione Aziendale (CEGA) presso la Scuola di Direzione Aziendale dell'Università Bocconi (Milano). È stato inserito nell’elenco degli esperti dell’Unione Europea (DG X) per i seguenti ambiti di competenza: ‘Cultura’ e ‘Questioni orizzontali’ (cultura ed economia, cultura e turismo, cultura e sviluppo regionale). Ama la musica classica, il tango e i social media.
This entry was posted in Aspirante event manager, Event fundraiser, Event manager and tagged , . Bookmark the permalink.